Di soggettive, polmoni persi e settimane della moda

daxeojlfsb-1533026171

Quando leggi che Nicolas Winding Refn passa per Milano.. che fai? non vai? OVVIAMENTE TENTI DI ANDARE

Il 22 Febbraio è stato ospite di Fondazione Prada per presentare uno dei suoi progetti più recenti, il sito BYNWR.COM che veramente esiste da un po’ online ma nel caso in cui non sapeste di che si tratta vi invito a visitarlo.
Ci si deve iscrivere ed è completamente gratuito, inoltre ogni mese si arricchisce di nuovi contenuti. Cosa succede quando adori un regista nerd? Succede che quando meno te l’aspetti può capitarti di avere tra le mani il netflix del cinema exploitation e grindhouse.
Si tratta di una collezione di pellicole completamente restaurate da Refn in alta definizione e messe a disposizione del pubblico senza contare la mole di contenuti da leggere che accompagnano le pellicole.
Più che una piattaforma lo chiamerei una scatola cinese, perché sai quando entri ma non sai come ne esci dato che ci si perde facilmente nell’esplorarlo.

L’evento a Milano si è svolto durante la settimana della moda e ce ne siamo accorte per il traffico, tendenzialmente raddoppiato, noi ci abbiamo provato ad arrivare in orario ma anche la posizione del museo ci ha messo a dura prova. Perché non sarà mai abbastanza drammatica la situazione, dovrai anche correre.
Diciamo che nella sfiga, per fortuna erano in ritardo sulla tabella di marcia e ce l’abbiamo fatta, ma purtroppo visto e considerato che a malincuore me ne sono dovuta andare prima del previsto mi sono persa un pezzetto della conversazione intercorsa tra Refn, l’editor del sito Jimmy McDonough, il direttore dell’agenzia BUREAU David Frost e Manlio Gomarasca di Nocturno. Gli interventi sono stati tutti molto interessanti, fa sempre piacere stare ad ascoltare persone che amano quello che fanno e fa doppiamente piacere se riescono a lasciarti qualcosa, ad esempio l’ispirazione. Siano ringraziate le divinità pagane per i potenti mezzi dell’internet che ci permettono di recuperare il tutto interamente online.

Non sono riuscita nemmeno questa volta ad avvicinarlo, quindi la prossima volta non mi scappi Nicolas. In compenso gli ho fatto delle foto di infima qualità da lontano che fanno pietà – tipo questa sotto – che però mi mettono in pace col mondo (perché se non fotografo qualcosa non sono contenta).
d0czq6uxgamyq0t

Adesso aspetto una data di uscita di TOO OLD TO DIE YOUNG, la sua serie tv prodotta da amazon studios, anche perché non dovrebbe mancare più molto tempo.

Mentre invece l’appuntamento in Fondazione Prada è settimanale: ogni venerdì fino al 24 Maggio 2019 viene proiettato gratuitamente uno dei film restaurati da Nicolas Winding Refn.

SOGGETTIVA NICOLAS WINDING REFN
Fondazione Prada
Largo Isarco, 2
20139 Milano
Annunci

Una settimana dopo o più semplicemente QUE VIVA MEXICO pt. 2

oscars 2019

Visto l’andazzo prometto che il prossimo post non si chiamerà “un giorno dopo”.
Il weekend degli Oscar 2019 è passato e anche se in ritardo ci tengo a fare il punto della situazione secondo i miei gusti personali.

Mi è davvero piaciuta questa cerimonia degli Oscar?
Ni.

Si poteva fare di meglio?
Sì.

È pur sempre vero che nel 2018 mi era andata fin troppo bene e questo piattume me lo sarei dovuto aspettare, ma pensavo di nutrire un po’ più di entusiasmo per questa edizione.
Tra i lati positivi si può contare decisamente la durata: un’ora e mezza o forse addirittura ben due ore di sonno in più del previsto! Signori, questa è CIVILTÀ.
Nonostante inizialmente ci fossi rimasta un po’ male all’idea di un’edizione senza presentatore vero e proprio e seppur con un velo di malinconia per mancanza di eventuali siparietti trash, sono stata piacevolmente sorpresa.
Questa cosiddetta autogestione non ha pesato più di tanto sulla riuscita della cerimonia in termini di intrattenimento, era tutto scorrevole e veloce, ma a un certo punto devo ammettere di essermi addormentata per la prima volta in non so quanti anni. La definirei un’edizione diesel, ci ha messo un po’ a entusiasmarmi veramente. Gli mancava un po’ di brio.

I premi mi hanno soddisfatta solo in parte e in ogni caso le scelte  non hanno fatto altro che confermare i dubbi che avevo già in fase di pronostici.
Abbiamo capito che all’Academy piace il safe mode e si è votata alla commedia in fatto di miglior pellicola dell’anno premiando Green Book. Chiariamoci, mi è piaciuto tantissimo, ma credo che BlackKklansman sarebbe stato una scelta migliore proprio in termini di messa in scena e trama. Inoltre Spike Lee drama queen che fa per andarsene è stato un po’ over ma tutto sommato mi ha fatta sorridere. Avrei voluto la gif (non so se esista) avrebbe fatto compagnia a Tarantino che sputava ai golden globes qualche anno fa.
Rami Malek attore protagonista diciamo che non era proprio la mia prima scelta, anzi, avrei preferito di gran lunga Christian Bale o Willem Dafoe ma se dicessi che non immaginavo lui avesse una possibilità, mentirei.
Non sono fan dei Queen e non mi sono mai interessata molto alla band, non so tantissime cose della loro carriera quindi non posso nemmeno dare un giudizio oggettivo sul film (che ha diviso tutti da quello che so) però a maggior ragione credo che il mio valga come giudizio imparziale in merito. Fatta questa premessa ci tengo a dire che la sua interpretazione non mi ha emozionata granché, mi è sembrata piu un’imitazione. Ormai quel che è fatto è fatto, Rami resta un bravo attore, ma speravo in un esito diverso.
Mi sarebbe piaciuto vedere un briciolo di considerazione per Cold War di Pawlikowski e Werk Ohne Autor di von Donnersmarck, vista la loro candidatura in categorie diverse oltre a quella di miglior film straniero, ma non è successo, peccato davvero. Restano due gioiellini e se non li avete visti recuperateli.

Sui Queen con Adam Lambert non mi pronuncio perché me li sono persi e stavo cercando lo streaming, mentre invece la performance più chiacchierata del mese la commenterò così
L'immagine può contenere: 2 persone, testo

I punti più alti della cerimonia restano Frances McDormand in birkenstock firmate Valentino e Sam Rockwell sul palco a premiare la miglior attrice

91st Annual Academy Awards - Show

Sam Rockwell che scende dal palco per aiutare Olivia Colman a salire i gradini e ritirare la statuetta

(e nessuno ha fatto una gif, io mi chiedo cosa state su internet a fare)

Olivia Colman emozionatissima che fa il discorso più bello di sempre

Image result for olivia colman oscars

Gary Oldman e Allison Janney insieme sul palco

Gary Oldman, Allison Janney

Alfonso Cuaron che quest’anno aveva il film pigliatutto e sono davvero contenta

alfonso cuaron

Samuel L. Jackson e Spike Lee sul palco

sam jackson spike lee

Spike Lee che finalmente vince un Oscar e blasta il governo

spikelee

Quella persona orribile che risponde al nome di Diego Luna che sale sul palco a presentare ROMA e fa di tutto per togliermi il sonno


vergognati

Last but not least i miei vincitori morali della categoria miglior film straniero

il cast di Werk ohne Autor (o Never Look Away) che scarseggia in foto e dato che non ne ho trovate del red carpet ci faremo bastare questa perché Oliver Masucci, Tom Schilling, Paula Beer e Sebastian Koch un po’ di spazio su questo blog se lo meritano a priori.

Tom+Schilling+German+Oscar+Reception+KVrlUcZTgFlx

Il regista di Cold War, Pawel Pawlikowski

Pawel+Pawlikowski+91st+Annual+Academy+Awards+E8GHCXi_Pi7x

Christian Bale

christian bale

Willem Dafoe

willem

Non dimentichiamoci Glenn Close che da spettacolo sul red carpet

Se ne riparla tra un anno e spero che il 2019 sia pieno di bei film e abbia qualche polemica in meno.

un anno dopo (circa) “and the oscar goes to…”

9b1e0891-8daf-4ae1-a6f0-b34746470fc1-afp_afp_11o8p2

Sull’enciclopedia sotto alla definizione di ‘colpevolezza’ c’è una mia foto. Io con la faccia contrita gli occhiali sporchi e le doppie punte. Immortalata in un mugshot, spalle al muro, che abbandono il blog e non aggiorno più per un anno circa.

Non lo dico più sono tornata, mi faccio schifo, prendete le cose come vengono. Al cinema ci vado sempre volentieri e recupero tutto coi miei tempi ma ho delle fasi alternate, anche se a loro modo compulsive, da serie tv e da cinema.

Le previsioni personali di quest’anno sono arrivate in zona cesarini. Per chi le scrivo? più per me che per altro, perché devo farlo. Non mi obbliga nessuno, ma mi sembra di tradire una tradizione che mi ero imposta tempo fa.

L’anno scorso era tutto più elettrizzante, soprattutto per quanto riguarda i film in gara, ma anche quest’anno ci sono state scelte interessanti.
Diciamo che l’entusiasmo quest’anno me l’hanno smorzato di più le polemiche e i dibattiti sullo streaming e le uscite cinematografiche e le scelte pessime degli organizzatori della cerimonia: conduttore, non conduttore, presentatori dei premi che non avevano niente a che fare con la tradizione delle edizioni precedenti, premi consegnati durante la pubblicità… forse c’è dell’altro ma onestamente mi sembra sufficiente a far girare le scatole a chiunque ami il cinema o per lo meno seguire le premiazioni. Un bel sonoro STICAZZI, quest’anno, se lo meriterebbero ma poi succede che io sono debole e chiamano Diego Luna a presentare qualcosa e devo guardare.

Ma arriviamo al dunque

oscars-2019-best-picture-nominees

BEST FILM

Io non so decidermi tra Roma e BlacKkKlansman, come minimo vincerà Bohemian Rhapsody e mi sentiranno urlare improperi fino a Los Angeles.

BEST DIRECTOR

Per me è un ex aequo tra Spike Lee e Alfonso Cuaron. Sarebbe bello vincesse Spike Lee anche solo per il fatto che è la prima volta che lo nominano.

BEST LEADING ACTOR

Il cuore dice Willem Dafoe perché, ok è un personal fav ma ho davvero amato la sua interpretazione in At Eternity’s Gate, mentre invece il cervello dice Christian Bale perché ok se lo merita tantissimo anche lui ma sono più che altro preoccupata per la sua salute perché non può andare avanti a dimagrire e ingrassare a fisarmonica così. Quindi Academy, ti prego, salva un irlandese da se stesso e dagli l’oscar.
Ciò non toglie che sono offesissima dal fatto che non sia stato nominato John David Washington per BlacKkKlansman. Davvero non capisco, cosa vi ha fatto? è stato meraviglioso.

BEST LEADING ACTRESS

Direi a naso Yalitza Aparicio perché mi è piaciuta molto ma probabilmente vincerà Glenn Close. Io non ho ancora visto The Wife quindi mi fido di quello che ho visto in Roma e scelgo così.

BEST SUPPORTING ACTOR

Vorrei tantissimo rivedere Sam Rockwell sul palco perché sono di parte ma non credo vincerà, quindi direi Mahershala Ali oppure magari non mi dispiacerebbe anche Richard E. Grant.

BEST SUPPORTING ACTRESS

Emma Stone o Marina de Tavira

BEST FOREIGN LANGUAGE FILM

Qui darei il premio a Never Look Away o Cold War. Più a Never Look Away ma solo perché ho pianto di più. Non ho menzionato Roma solo perché potrebbe vincere come miglior film.

BEST ORIGINAL SCREENPLAY

Vice

BEST ADAPTED SCREENPLAY

Non so scegliere tra BlacKkKlansman, Can you ever forgive me e If Beale Street Could Talk.

BEST CINEMATOGRAPHY

Non so scegliere tra Cold War e Roma, in tal caso se dovesse farcela uno di questi due sarei contentissima lo stesso.

BEST PRODUCTION DESIGN

Black Panther

BEST VISUAL EFFECTS

Avengers: infinity war

BEST COSTUME DESIGN

Mary Queen of Scots o The Favourite

BEST MAKE UP AND HAIRSTYLING

E’ una dura lotta tra Vice e Mary Queen of Scots

BEST ORIGINAL SONG

A Star is Born

BEST ORIGINAL SCORE

Black Panther

BEST FILM EDITING

Direi Vice ma se la gioca con Bohemian Rhapsody
non resta che aspettare e scoprire che succederà.

“Que viva latinamerica!”

Ieri mi sono presa una pausa, necessaria, volevo scrivere l’articolo postumo alla cerimonia degli oscar di domenica notte, ma rischiava di non avere davvero né capo né coda, cosa che temo accadrà anche ora, ma non potrà mai raggiungere i livelli di nonsense che rischiava di toccare ieri. Mi scuso in anticipo.
Ero schiacciata da un mix di felicità-sonno-rabbia-nichilismo-bisogno disperato di svagarsi anche perché l’esito delle elezioni l’abbiamo visto tutti.
MA NON VOGLIO PARLARE DI QUESTO, quindi il mio post avrà volutamente un tono leggero e pervaso dal più becero eye candy perché domenica 4 marzo oltre a seguire la premiazione che non mi perdo mai stavo semplicemente cercando di non pensare a quella pervadente e inevitabile sensazione di morte e distruzione suscitata dagli exit poll e il mio twitter (no, non solo il mio) era inondato di più commenti da osteria del solito.

La serata è stata condotta anche questa volta da Jimmy Kimmel e la cosa non mi è dispiaciuta, si è svolta senza intoppi, ma l’ho trovata un po’ sotto tono anche se ho apprezzato la trovata dell’anno di invogliare i vincitori a fare dei discorsi di ringraziamento brevi: la messa in palio di un jet ski con Helen Mirren valletta stile televendita.
giphy1

Ma poi ha vinto qualcuno? non sono aggiornata, ditemi!

Comunque, della cerimonia di quest’anno tranne per un punto (cioè la a parer mio inspiegabile vittoria di Get Out come BEST ORIGINAL SCREENPLAY invece che di quella del mio personal fav irlandese Martin McDonagh per 3 Billboards outside Ebbing, Missouri) posso ritenermi la persona più felice del mondo perché non ricordo tanta fortuna nei miei pronostici da praticamente MAI.
Davvero, non ho nulla da dire, è surreale.
Ci si sente davvero realizzati, è una sensazione che chiunque dovrebbe provare una volta nella vita, probabilmente fa anche bene alla pelle (non lo so, se è vero è la svolta).

L’anno prossimo come minimo mi incazzerò come una vipera, ma potrei ritenerlo una inevitabile conseguenza legata al karma.

ma dicevamo…

28783164_10211799816415388_7973031887425623091_n

Hanno vinto Gary Oldman, Allison Janney, Sam Rockwell e Frances McDormand e non ho dovuto sacrificare bambini o vacche sacre perché accadesse.
E’ davvero stupendo.
Ognuno di loro portava un ruolo singolare e sono davvero contenta.
Nello specifico Sam Rockwell e Gary Oldman aspettavo di vederli premiati da tempi immemori, quindi adesso posso portare avanti altre campagne propagandistiche personali.
Capito Michael Fassbender, Joaquin Phoenix, Robert Downey jr? c’è speranza anche per voi.

Ha vinto Guillermo del Toro per la regia e pure il film The Shape of Water.
0304_guillermo-1000x729
E giustamente visto quello che è successo lo scorso anno ha pensato di controllare fosse la busta giusta. Cioè, adesso, biasimiamolo… CHI NON LO AVREBBE FATTO?last-year039s-039envelope-gate039-leads-to-design-change-at-oscars-2018

Quest’anno era presente parte del cast di Star Wars: The Last Jedi che è salito sul palco a presentare e c’era Oscar Isaac che a un certo punto ha pensato fosse una buona idea fare i grattini a BB8 in diretta mondiale.
oscar-kelly-oscars-04mar18-03
Ha vinto Coco e Mark Hamill ci ha tenuto a ricordare la gaffe del secolo dandomi modo di urlare cose veramente stupide come “ODDIO OSCAR CHE DICE AND THE OSCAR GOES TO…” (lo so, ammazza che ridere, era una serata difficile)
giphy

In tal proposito vorrei procedere mostrando cosa stava succedendo intorno alle 4 di mattina mentre io combattevo il sonno perché è necessario.

oscar-kelly-oscars-04mar18-07

tumblr_p53jy5ui9d1qf5hjqo1_540

tumblr_p53jy5ui9d1qf5hjqo3_540

no, fate con comodo

28428953_2035409563401184_6119293764948197376_nDannati latinoamericani non avete chiaramente rispetto per la povera gente sensibile che soffre dall’altra parte del globo.

Academy, tra l’altro non è stata nemmeno una grande idea far salire Gael Garcia Bernal sul palco a cantare Remember Me, sleep deprived per sempre.
FEDERICO RAMOS, GAEL GARCIA BERNAL
Sempre per la parentesi latino america, si è aggiudicata anche il premio per il Miglior Film Straniero con A Fantastic Woman. Sì facevo piu il tifo per la Svezia ma sono davvero contenta abbia vinto il Cile. Tra i produttori ci sono i fratelli Larraìn e quindi va bene così anche se l’anno scorso avrei preferito vedere Pablo Larraìn candidato a qualche statuetta per Jackie oltre alla sola Natalie Portman o per Neruda perché davvero meritavano di più.
complete_winners_list_oscars_a_fantastic_woman

L’anno scorso hanno portato turisti in sala (veri o no, non lo sapremo mai) e una coppia è stata sposata da Denzel Washington, quest’anno lo show è andato dal pubblico in un cinema vicino al sony theater.
Ora voglio anch’io Margot Robbie, Lupita Nyong’o e Mark Hamill e altri che mi portano cibo spazzatura e le caramelle in sala
giphy2

C’è stato pure il momento IN MEMORIAM sempre tristissimo come è giusto che sia, ma questa volta accompagnato dalle note di Eddie Vedder. Non sapevo ci fosse, non ne avevo idea ed è stato solo l’ennesima sorpresa.

eddie-vedder-ftr
Insomma, alla fine non posso che essere soddisfatta e se qualcosa non è andato non ne ho davvero idea, non avevo tempo di notarlo perché ero fin troppo distratta.

Speriamo la prossima edizione non mi deluda perché questa era di un livello davvero altissimo in quanto a film in gara e attori.
Quindi concluderò il post con la cosa più importante che mi aiuterà a tirare avanti per i successivi 364 giorni

sam-rockwell-oscars-best-supporting-actor

90th Academy Awards - Oscars Show – Hollywood

vfoscars2017_hannahthomson_dsc_5284

90th Academy Awards - Show, Los Angeles, USA - 04 Mar 2018

frances-mcdormand1-gty-ml-180305_12x5_992

in zona cesarini

Avevo in programma di scrivere questo post ieri ma poi tra una cosa e l’altra mi sono ridotta a questa sera.
Sono comunque in tempo anche se in una versione un po’ più contenuta rispetto alla manfrina dell’anno scorso.

Come tradizione vuole ho cercato di recuperare più film possibili per questa awards season e sono tutto sommato soddisfatta di me stessa. Non voglio sollevare polemiche ma, scandalo Weinstein a parte (che condanno, sia chiaro), sono un po’ infastidita dalle decisioni prese da chi di dovere. Non lo so… mi sembrano scelte un po’ troppo influenzate dall’esterno, ma d’altronde quest’anno funziona così e non mi esprimerò.

Ma procediamo con i miei pronostici misti a tifo spassionato che il tempo stringe

oscars-3-1500x1000

BEST PICTURE
Vincerà: 3 Billboards outside Ebbing, Missouri
Vorrei vincesse: 3 Billboards outside Ebbing, Missouri o in alternativa The Shape Of Water

In realtà il livello è altissimo quest’anno, è stato davvero difficile scegliere ma c’è anche da dire che sono partita subito col piede “sbagliato” nel senso che il film di Martin McDonagh, per cui tifavo già a scatola chiusa quando è stato presentato al festival di Venezia, è stato uno dei primi che ho visto del mio recuperone annuale e quindi, insieme a I,Tonya (che non è stato nominato e lo ritengo uno scandalo) mi sono dovuta sforzare di trovare qualcosa di bello bello in modo assurdo anche negli altri candidati alla statuetta. Per fortuna ci ha pensato Guillermo del Toro e un po’ anche Paul Thomas Anderson (anche Christopher Nolan, per dio) ma aiuto.. le scelte orribili da fare.


BEST LEADING ACTOR

Vincerà:
Gary Oldman (c’è l’incognita Daniel Day Lewis che mi alita sul collo)
Vorrei vincesse: Gary Oldman

piccolo rant necessario quindi vi beccate il capslock: DEVE VINCERE GARY OLDMAN, E’ UNA COSA CHE ASPETTO SUCCEDA DA SECOLI E MI HANNO GIA’ TOLTO LA GIOIA DI VEDERLO SUL PALCO CON LA STATUETTA AI TEMPI DI TINKER TAILOR SOLDIER SPY CHE PER INCISO E’ STATA L’UNICA VOLTA IN CUI E’ STATO NOMINATO E MI PARE GIA’ SUFFICIENTEMENTE UNO SCANDALO COSI’.

uniknrw

non è vero, sono di più

Daniel, ho capito che ti ritiri e mi dispiace, veramente, ma stay in your lane che ne hai già tre.
Timothy Chalamet, non ti odio, il mio problema sono le tue fan quindi anche tu fai il favore stay in your lane.

BEST LEADING ACTRESS
Vincerà: Frances McDormand
Vorrei Vincesse: Margot Robbie

In realtà in questa categoria come cadi cadi in piedi. Faccio io per prima il tifo per Frances McDormand perché è stata a dir poco meravigliosa in 3 Billboards e spero vinca davvero, ma non posso esimermi dal fare il tifo spudorato per Margot Robbie perché se è vero che già di suo io la trovi un’attrice con tanto da dire, in I,Tonya è stata davvero spettacolare e sarei davvero felice di vederla vincere.
Anche Saoirse Ronan mi è piaciuta proprio perché è riuscita a farmi detestare il suo personaggio in Lady Bird ma ecco, non sarei contenta allo stesso modo.
Vedremo che cosa accadrà.

BEST SUPPORTING ACTOR
Vincerà:
Sam Rockwell
Vorrei vincesse:
Sam Rockwell

Non accetto altre opzioni.
Il sogno perverso è vederlo salire sul palco zompettante, così, COME E’ GIUSTO CHE SIA
anigif_enhanced-11655-1407344080-1


BEST SUPPORTING ACTRESS

Vincerà: Allison Janney
Vorrei vincesse: Allison Janney

Idem come sopra.
No vabbè, eventualmente mi andrebbe bene anche Lesley Manville, glaciale e lapidaria in Phantom Thread.

BEST DIRECTOR
Vincerà: Greta Gerwig
Vorrei vincesse:
Guillermo del Toro

Deve vincere Guillermo del Toro, tassativo, come alternativa accetto solo Christopher Nolan.

BEST ANIMATED FEATURE
Vincerà: Coco
Vorrei vincesse: Coco

Ne ho visti solo due di questa categoria, uno è Coco e l’altro è The Boss Baby, ma Coco mi ha seccato i condotti lacrimali e quindi deve vincere.

BEST ADAPTED SCREENPLAY
Vincerà: James Ivory per Call Me By Your Name
Vorrei vincesse: Scott Frank, James Mangold and Michael Green per Logan

Darei il premio a Logan solo per il fatto che dopo tanti tentativi fallimentari finalmente sono riusciti a scrivere un film su Wolverine come cristo comanda, ma mi preparo a tirare giu il calendario con i santi. One can dream.

BEST ORIGINAL SCREENPLAY
Vincerà: Martin McDonagh
Vorrei vincesse: Martin McDonagh

Con la fortuna che ho, come minimo vincerà Greta Gerwig. In alternativa accetto solo Guillermo del Toro.

BEST CINEMATOGRAPHY
Vincerà: Blade Runner 2049
Vorrei vincesse: Darkest Hour

Premesso che Blade Runner 2049 non l’ho ancora visto e con gli altri film nominati ho seri problemi a scegliere perché secondo me meriterebbero tutti, vado con Darkest Hour perché alcune scene sembravano uscite da una galleria d’arte.

BEST FOREIGN FILM
Vincerà: non ne ho idea perché non saprei come scegliere
Vorrei vincesse: The Square

Questa è la mia categoria preferita perché nasconde sempre perle nascoste, ma spesso mi capita di trascurarla perché non faccio in tempo a recuperare tutto il resto o semplicemente non ho modo di recuperare i film. Quest’anno ne ho visti due: The Square e A Fantastic Woman e li ho amati entrambi nella loro diversità. A Fantastic Woman mi ha straziata, mentre invece The Square mi ha angosciata ma anche divertita e soprattutto mi ha fatta riflettere molto. Trovo che sia un ottimo film europeo e soprattutto ben piantato nella realtà odierna quindi sì, mi piacerebbe molto vincesse.
Non mi pronuncio sugli altri premi tecnici, ma questo è quanto. Vedremo che succederà e quanto resisterò sveglia, come al solito.

Faye Dunaway e Warren Beatty fatece sognà

giphy

“and the winner is… eh… no, you do this”

2018 puoi solo stupirmi

anigif_sub-buzz-10020-1487713713-2

Per la legge universale del chi non muore si rivede, sono tornata a scrivere. Chi non muore, nel vero senso della parola, visto e considerato che sto resuscitando lentamente dall’influenza. Quest’anno le cosiddette feste comandate le ho passate imbottita di medicinali e ho fatto in tempo giusto giusto a vedere i parenti il 25 dicembre, tutto il resto è riassumibile con intrugli homemade a base di radice di zenzero, limone e miele, paracetamolo, aerosol, vicks e sciroppo per la tosse (cioè la tosse non mi viene mai, capite? e se mi viene mi resta un’eternità).

Diciamo che sono contenta che il 2017 sia finito, anche perché oltre ai germi influenzali a parte due o tre cose veramente positive non posso certo dire sia stato particolarmente di impatto e da tramandare ai posteri.

Per quanto riguarda il blog, mi faccio abbastanza schifo, ho bozze iniziate e abbandonate da maggio ma cause di forza maggiore mi hanno tenuta lontana dal mio passatempo. Mi è spiaciuto ma non potevo fare molto, spero quest’anno di essere un po’ più produttiva perché mi manca.

Inoltre oggi è già il 7 gennaio e sono in ritardo con la mia top 12 del 2017 (perché a noi le cose semplici non piacciono e non riusciamo a farle) quindi ora procederò.

Il mio 2017 cinematografico è stato apatico e costellato dalla sfiga. Sono andata al cinema e altre pellicole le ho recuperate per vie traverse, ma mi sono persa diverse cose che invece han visto tutti e che mi hanno fatta sentire esclusa dagli scontri sui social (scherzo, sono meno dispiaciuta della cosa di quanto si possa pensare) molte delle quali perse per il semplice fatto che le case di distribuzione hanno pensato di farle uscire quasi tutte nel momento più sbagliato di sempre, dove io non mi sono potuta muovere più di tanto, quindi vi batterò sul tempo togliendovi da questo impaccio, ed evitandovi così una serie di domande esistenziali, dicendovi fin da subito che:

  • non ho visto il nuovo Blade Runner
  • non ho visto Spider Man
  • non ho visto IT
  • non ho visto Mother!
  • non ho visto Wonder Woman
  • non ho visto Justice League

così ci leviamo il pensiero.

Passerò quindi a elencare i film che ho adorato nel 2017 con una breve didascalia.

BEST OF 2017

1. Logan
Credo sia IL FILM del 2017 anche solo per il fatto che sono finalmente riusciti a fare un film con cognizione di causa su Wolverine, ma in realtà è molto di più. E’ la fine di un’epoca a livello personale, quindi mi spiace ma NUMERO UNO.

2. Dunkirk
Christopher Nolan torna a giocare con lo spazio e il tempo e tranne un piccolo neo che mi porto dietro dalla seconda visione questo film è un ulteriore passo avanti nella sua cinematografia. Ansia a pallettoni.

3. Star Wars: The Last Jedi
Un film che personalmente ho adorato per il coraggio di rischiare e che mi ha fatto capire ulteriormente quanto io non abbia mai avuto niente da spartire con una porzione del fandom di Star Wars e va bene così.

4. Paterson
Una delle prime pellicole viste nel 2017 a cui ho pensato diverse volte durante l’anno. Davvero bellissimo

5. Suburbicon
Ho sentito molte critiche mosse a questo film e deduco non sia stato amato da tutti ma un dato di fatto è che sia una pellicola necessaria. Mi sono divertita tantissimo ma mi ha lasciato addosso anche una buona dose di angoscia di fondo. Preferisco George Clooney regista dall’attore.

6. The Killing of a Sacred Deer
Come per The Lobster, The killing of a sacred deer è un film a troppo assurdo per funzionare ma alla fine il suo lavoro lo fa, ero davvero assorbita dalla visione e c’è poco da fare, Yorgos Lanthimos, sa farti prendere a male. Barry Keoghan merita premi.

7. Neruda
Film che mi aveva incuriosita tantissimo da molti mesi prima e che si è rivelato un gioiellino per la sua messa in scena. Avevo già visto alcuni anni fa NO: I giorni dell’Arcobaleno, ma credo che il 2017 sia stato l’anno in cui ho esplorato un po’ di più la filmografia di Larraìn (anche se mi mancano un paio di titoli da vedere).

8. England is Mine
Ne parlerò meglio in un altro post, ma questo film è stato la sorpresa del 2017 per tanti motivi. E’ un film su Morrissey, ma allo stesso tempo non lo è per niente e forse è proprio questa la cosa che me l’ha fatto piacere cosi tanto. Recuperare.

9. Hidden Figures
L’avevo adorato durante la scorsa awards season e che ancora adesso mi ritrovo a consigliare alla gente. Pianti a volontà. Doveva stare nella lista.

10. Ammore e Malavita
Chi mi conosce sa quanto io adori l’Ispettore Coliandro quindi probabilmente non si stupirà granché a vedere questo titolo, ma se non l’avete visto dovete recuperarlo. I Manetti Bros hanno fatto un musical ambientato a Napoli, in ogni caso basti sapere che ero piegata dal ridere.

11. The Beguiled
Sofia Coppola ha fatto un ghost movie senza essere un ghost movie. L’originale nono l’ho mai visto ma recupererò.

12. I, Tonya
I cheated, ma non potevo più aspettare. Lo chiamerò semplicemente il search and destroy del pattinaggio artistico. Politically Incorrect da morire, Margot Robbie è meravigliosa e deve vincere tutto, ma anche il resto del cast è spettacolare. Esigo una copia della colonna sonora.

E’ stato difficilissimo scegliere, ma che dico, è sempre difficilissimo scegliere. Se fosse stato facile la mia sarebbe una top 10 come quella di tanta gente normale. Basti sapere che già così mi sento una persona orribile, senza contare il fatto che sono giorni e giorni che ci rifletto su, ma bisogna darsi un limite.

Questa lista rappresenta quello che consiglio e che rivedrei più che volentieri.

Ho pensato di fare una cosa in più, aggiungere due mini liste collaterali che ho deciso di chiamare:

PENSAVO PEGGIO E INVECE

Song To Song
Contando gli anni di gestazione ero davvero preoccupata, alla fine capito il meccanismo lo si apprezza per quello che è: un film che si svela allo spettatore come un album musicale.

Pirates of the Caribbean: La Vendetta di Salazar
L’avevo visto per la scienza, non volevo vederlo veramente anche perché il precedente non lo ricordo e non mi manca. Questo alla fine è stato carino però la smettiamo, dai su.

T2: Trainspotting
Mi ero già espressa a riguardo nella recensione che potete leggere qui

Hacksaw Ridge
Mi ero già espressa a riguardo nel post riguardante gli scorsi premi oscar. Come dicevo, Mel Gibson regista non mi fa strappare i capelli, ma è riuscito a fare un buon lavoro.

Thor: Ragnarök
Avevo una paura folle, alla fine sono uscita dal cinema soddisfatta.

Ghost in The Shell
L’anime giapponese non l’ho mai visto, quindi non ho “la base” per giudicare a dovere però non l’ho trovato cosi brutto come molti lo giudicavano. Anzi ho adorato gli effetti speciali e la fotografia.

FAREMO FINTA DI NIENTE

Alien: Covenant
Brutto. Scontato da morire fino alla parodia. La parte degna di nota è il confronto tra gli androidi. Perché avere un Michael Fassbender quando puoi averne due? peccato che nemmeno lui sdoppiato sia stato in grado di salvarmi il film.

The Place
Questo film mi ha fatta veramente incazzare perché era bello, mi stava prendendo veramente, poi non so cosa sia successo esattamente e non so nemmeno io cosa mi aspettassi esattamente ma il finale mi ha lasciato veramente l’amaro in bocca. Mi ha delusa. E’ come quando dopo aver fatto una fila di 20 minuti per un cono gelato al caramello salato fai per addentarlo e il primo che passa ti si butta addosso facendotelo cadere per terra. E comunque devo sempre vedere Perfetti Sconosciuti.

First Kill
Questo film l’ho aggiunto solo come monito a me stessa. Perché ogni anno succede che prima o poi mi guardo un film perché c’è un attore che non vedo da tanto tempo e mi manca e a volte va bene e a volte invece becco delle stronzate colossali. Film d’azione di infima scrittura allungato come una minestra annacquata che campa solo ed esclusivamente in funzione delle scelte sbagliate dei protagonisti. Gethin Anthony, cosa mi fai guardare. Mettiti una mano sul cuore.

Penso sia tutto per ora.

Nel frattempo vi auguro un buon 2018, e anche a me stessa, nella speranza che sia meno surreale dell’anno precedente. Spero di essere un po’ più presente qua dentro anche perché questa awards season è carica di film interessanti e che attendo impazientemente. Questa notte ci sono i Golden Globes e ho altissime aspettative, ma ne parlerò in separata sede.

Fatemi sapere nei commenti quali film avete salvato del 2017 che sono curiosa

Skipping this birthday was never an option

gallery-1479159156-esq-december-2016-michael-fassbender-05-cedric-buchet-quad-3

Oggi è un giorno importante perché Michael Fassbender compie gli anni e raggiunge la famigerata cifra tonda. Il mio tedesco-irlandese preferito oggi compie la bellezza di 40 anni e ce n’è passata di acqua sotto i ponti anche se non sembra. Premesso che sono un po’ di parte (cosa che credo non abbia ancora notato nessuno), e che ogni tanto ci si può trasformare in spudorate fangirl senza ritegno, ho pensato di regalargli un’update sul blog (anche perché le gioie della vita le ha già Alicia Vikander e c’è poco da fare).

ab11e21404d97e786572b7379f5097d0

Tanto tempo fa guardando quella pellicola profondamente tamarra di 300 di Zack Snyder, oltre a Gerard Butler, è stato inevitabile accorgersi di quello scappato di casa di Stelios, capellone chiaramente non totalmente in sé grazie anche a quello che chiamerò uno spiccato senso dello humor nero.
Sembra ieri che mi usciva dalla bocca un innocente “ma cosa cazzo ridi che ti piovono in testa le frecce?”

tumblr_mj9e6pnaxp1r1tldho1_500

Senza contare il gelo che mi scorre giù per la schiena, inevitabilmente, ancora adesso dopo la centordicesima visione di Inglourious Basterds alla scena de La Louisiane quando quella mente superiore di Archie Hicox (avevo ribattezzato il mio ex telefono così e un gatto in tangenziale avrebbe avuto una vita più lunga e felice, sì me la sono tirata) dopo aver messo in scena un siparietto sgangherato insieme ai compagni per giustificare il suo accento discutibile, riesce a mandare in merda un piano geniale per il semplice fatto che non puoi togliere la britishness a un infiltrato manco col piede di porco.

Se si parla di Michael Fassbender non si può non spendere due parole sul sodalizio importantissimo con il regista inglese Steve McQueen (che tanto per la cronaca spero prosegua ancora a lungo).

nintchdbpict000000291678

Collaborazione riuscitissima e iniziata con il fare la concorrenza a Christian Bale per il premio di “attore con il dimagrimento più violento per un film” nella parte di Bobby Sands in Hunger. Definire quel film un pugno nella pancia è niente.

micheal-fassbender-shame
La seconda incarnazione ha il nome di Brandon e il film è Shame. Fassbender interpreta un sessodipendente e la sua interpretazione al pari di quella di Carey Mulligan le trovo ogni volta più belle. A livello di pubblico in sala, purtroppo, è un film profondamente incompreso (ricordo ancora adesso scene infelici), ma con un’interpretazione che gli è valsa una coppa volpi al festival di Venezia. Devo ammettere che fare il tifo a scatola chiusa e a distanza è stato brutto, ma vogliamo mettere la felicità dell’epoca nel dire “ha vinto Fassbender!!!” e sentirti rispondere “chi???” e lui all’epoca uscito a ringraziare i fan sul red carpet dopo la premiazione.
Lo stesso ruolo gli è valso poi anche una nomination ai Golden Globes senza però relativo premio ed è stato derubato di una nomination agli Oscar dello stesso anno.

1393608016113-cached
Il terzo progetto firmato Steve McQueen risponde al titolo di 12 Anni Schiavo e vede Fassbender ricoprire il ruolo di Epps, un ruolo secondario contrariamente ai precedenti lavori. Epps è il perfido proprietario di una piantagione, fanatico religioso, che avrei picchiato in malo modo, con una predilezione per la giovane schiava Patsy, che gli vale la prima nomination agli Oscar, ma anche lì non vince nulla ed è ancora una ferita aperta sinceramente.

frank-michael-fassbender-domnhall-gleeson-maggie-gyllenhaal
Esiste un film un po’ sottovalutato chiamato FRANK, dell’irlandese Lenny Abrahamson, dove si cimenta in una performance singolare recitando per tutto il tempo con una testa di cartapesta addosso e cantando, perché se c’è una cosa che non dovrebbe fare e invece fa sto disgraziato è cantare e lo fa pure bene.

x-men-146394
Poi non posso non parlare di quanto io abbia festeggiato alla grande, a suo tempo in fase di casting, quando è uscita la notizia che nei prequel di X-Men per il ruolo di Magneto avevano scelto lui. Adoro Ian McKellen nella parte e il lavoro fatto da Fassbender si è sempre incastrato benissimo nel franchise contribuendo a sfaccettare ulteriormente il personaggio, soprattutto nel capitolo di Days of Future Past dove comparivano entrambi in diversi momenti storici. Oltretutto parliamo di un personaggio che fin dall’infanzia insieme a Logan, Tempesta e Nightcrawler era già all’epoca uno dei miei preferiti.

collab_dmwa_3
C’è stata anche una collaborazione con David Cronenberg, anni fa, dove per l’occasione aveva vestito i panni di Carl Gustav Jung in A Dangerous Method insieme a Viggo Mortensen nella parte di Sigmund Freud. Un film, un programma già a partire dal making of.

michael-fassbender-prometheus
Ha preso parte anche al nuovo franchise di Alien di Ridley Scott dove in due film su due, per ora, ha interpretato un androide: in Prometheus si chiama David-8, un robot biondo platino subdolo, con un senso dell’umorismo un po’ caustico. Premesso che non è mai stato granché il mio genere, Prometheus so che non fa impazzire i fan, ma personalmente l’ho trovato nella media, vedremo il prossimo in uscita.
macbeth-cotillard-fassbender
Tra i vari progetti l’ho visto nei panni di Macbeth, nell’omonimo film di Justin Kurzel, dove insieme a Marion Cotillard ha dato una bellissima prova attoriale che non ha ricevuto i giusti onori e poi anche nei panni di Mr. Rochester nel Jane Eyre di Cary Fukunaga.

mv5byje0ytm2ndqtnjcwmi00yjawltg4otutyja1m2uxmwmxmzyyxkeyxkfqcgdeqxvynjuwnzk3ndc-_v1_
La seconda nomination all’oscar, anche qui non vinto, è arrivata per un film che all’epoca non sapevo di volergli veder fare: sto parlando di Steve Jobs.
Teniamo presente che il film con Ashton Kutcher non l’ho visto e non posso fare un paragone, onestamente, non mi entusiasmava l’idea di un altro film sul CEO della Apple. Il film di Danny Boyle con Fassbender l’avrei visto a priori per la scienza, ma mi ha convinta ulteriormente la scrittura di Aaron Sorkin.
Poi, pazienza, sappiamo com’è andata, ma rimane una più che ottima performance dove si sobbarca due ore di film che più che altro sembra una performance teatrale nel vero senso della parola.

e6a58cf802cbb89097b724a71949949d
Ovviamente non ha fatto solo cose meravigliose nella sua carriera, a oggi, anzi, e soprattutto non le ho ancora viste tutte tutte, ma la maggior parte sì e se proprio dovessi salvare qualcosa dei suoi progetti di natura discutibile direi che riguarderei, come guilty pleasure, quella cafonata della BBC chiamata HEX (che per la cronaca, se vi volete un po’ più bene della sottoscritta e se la guardate solo per lui fermatevi alla prima stagione. E’ un consiglio sincero.) dove interpretava il demone Azazeal (e in una puntata aveva anche una battutina divertente su Reservoir Dogs di Tarantino. Sì ok, la smetto) e, non so, se qualcuno volesse mai fare un remake di Il Maestro e Margherita, io lui ce lo metterei nel cast… devo ancora decidere se gli farei fare un demone o Satana, ma l’ho buttata lì, poi fate un po’ voi.

Ha preso parte a diversi altri progetti in questi anni, che non vi sto ad elencare perché famo notte e non volevo scrivere una biografia non autorizzata, ma se c’è una cosa che ho avuto modo di capire di questo attore è che quando pensi che magari potrebbe fare una commedia semi allegra, lui ti smentirà.
Però col senno di poi, non importa, anche perché far soffrire la gente gli riesce molto bene e temo andremo avanti così ancora a lungo.
Sta di fatto che è senz’altro uno dei miei attori preferiti degli ultimi anni perché è davvero versatilissimo nel suo genere e, delle parti che gli propongono, sceglie sempre pellicole interessanti a cui lavorare.

Adesso attendo il fantomatico film di Terrence Malick che ha avuto una gestazione di ben 4 o 5 anni, che ha finalmente un titolo: Song To Song (anche questo ha subìto un processo travagliato) e che a questo punto temo non crederò davvero di vedere finché non me lo troverò davanti e sinceramente farà meglio ad essere bellissimo perché ero quasi riuscita a dimenticare la sua esistenza.

In conclusione, io volevo solo fare un post di buon compleanno, ma mi è sfuggita la mano.

Buon quarantesimo compleanno Michael